iniziativa di sensibilizzazione alla pratica sportiva e per la promozione di uno stile di vita sano

Praticare uno sport o fare attività fisica fa bene a tutto il corpo, anche al cervello. Le attività cognitive possono essere potenziate dallo sport, e proprio su questa idea si basa il progetto realizzato in collaborazione con l’Associazione ONLUS “Le Buone Pratiche”, il Comune di Trieste, l’Azienda per l’Assistenza Sanitaria n. 1 “Triestina”, la SISSA, il CONI regionale FVG e l’Università degli Studi di Trieste. “Sport, emozioni e cervello” è un progetto che offre la possibilità di praticare attività sportiva gratuitamente per due anni a 250 ragazzi di età compresa tra i 9 e 14 anni, provenienti da scuole e ricreatori comunali a conferma del loro ruolo di agenzia ludico-ricreativa strategica per i progetti sul territorio. I ragazzi saranno supportati da alcuni formatori della SISSA che, applicando un metodo innovativo, faranno comprendere i benefici dello sport sul cervello, in termini di miglioramento delle capacità cognitive, della memoria e dell’apprendimento.
I comportamenti che si mettono in atto durante la fase di maturazione del cervello, giocano un ruolo vitale nel facilitare o al contrario ostacolare l’ottimale sviluppo cognitivo, e tra questi lo sport incrementa la concentrazione e la velocità con cui si processano le informazioni, oltre ad avere effetti neuroprotettivi. Chi conduce uno stile di vita attivo, ottiene migliori prestazioni in compiti che coinvolgono il ragionamento logico, la memoria di lavoro, il vocabolario e i tempi di reazione rispetto a soggetti sedentari; l’esercizio fisico contribuisce inoltre a prevenire i disturbi dell’umore, come la depressione e l’ansia.
Le attività sono state avviate nel maggio 2015 con un primo corso di formazione la cui direzione scientifica è curata dalla SISSA. Gli incontri, rivolti in giornate specifiche a genitori, allenatori, educatori e insegnanti, hanno visto una presenza complessiva di 120 corsisti. Tra fine agosto e ottobre sono partiti i primi 10 gruppi di attività che coinvolgono 130 ragazzi. Gli sport offerti sono canoa, arti marziali, atletica leggera e propedeutica alla ginnastica artistica. Gli allenatori, provenienti da 6 società sportive dilettantistiche e da una federazione sono stati precedentemente coinvolti dal CONI regionale e collaboreranno con le equipe di 5 ricreatori comunali, per lo svolgimento dell’attività sportiva. Il Panathlon club Trieste ha contribuito al progetto con la fornitura di magliette promozionali.
Gli esiti di questo nuovo approccio didattico saranno valutati nell’ambito di una ricerca condotta dal Dipartimento di Scienze della Vita dell’Università di Trieste in collaborazione con il Laboratorio Interdisciplinare della SISSA. La ricerca si propone di individuare anche i fattori socio-cognitivi e affettivo relazionali che potrebbero accrescere o ridurre l’efficacia della pratica sportiva.